COM'E INIZIATA LA STORIA DEL NOSTRO SUCCESSO

25th ANNIVERSARY. VIST EVOLUTION: FROM SKI GEAR TOWARDS SKI FASHION

C'era una volta

Sono gli inizi degli anni Novanta quando Elmar Stimpfl, che gareggia ancora con i migliori sci club italiani e poi con la nazionale italiana B, non riesce più a trovare sul mercato le piastre giuste per incrementare le sue prestazioni. La passione sportiva, motore della sua carriera e della sua creatività, lo spinge d’istinto verso la prima avventura imprenditoriale. Quell’accessorio, apparentemente marginale, ha grandi potenzialità ed è molto richiesto dagli sciatori professionisti. Insieme all’allora socio Roberto Vivian, decide di avviare una prima piccola produzione di piastre che commercializza direttamente grazie ai suoi contatti nel modo del race. Nel 1997, dalla combinazione delle iniziali dei loro cognomi, nasce Vist, il marchio delle piastre da sci italiane che, in pochissimo tempo, si riveleranno essere il seme di un progetto imprenditoriale vincente molto più grande. Le piastre Vist sono, fin dagli esordi, altamente performanti, resistenti e affidabili, capaci di moltiplicare esponenzialmente le prestazioni degli atleti sulla neve limitando al contempo le vibrazioni sulla spina dorsale. Vist diventa rapidamente il più importante produttore di piastre funzionali da gara al mondo. Un traguardo consacrato dai ritratti dell’atleta tedesca Katia Seizinger alle Olimpiadi di Nagano nel 1998, immortalata sul gradino più alto del podio accanto ai suoi sci e alle sue piastre Vist.

Come inizia la nostra storia di successo

25° ANNIVERSARIO. VIST EVOLUTION:DALL'ATTREZZATURA DA SCI VERSO LA MODA SCI

Strengthened by a rapidly increasing reputation, VIST traded its plates together with other innovative products that made a difference in the athletic experience. Two in particular: the “E-Coach” device - an electronic training support system that monitors the athlete’s position on skis and immediately sends feedback to improve posture - and the Boblbee, a Swedish-designed backpack. Between the end of the nineties and the beginning of 2000, these two products conquered the pages of the main sports magazines of the moment but also, unexpectedly, those of fashion magazines. Thanks to VIST, the Boblbee backpack was lent to Pitti and entered over two hundred of the best Italian fashion boutiques, thus turning from a purely sports product into a true and and proper object of desire.

Per Vist è un’esperienza fondamentale, che ispira quell’evoluzione verso la fusione, allora di forte rottura, tra tecnologia e moda italiana, vero pilastro della filosofia del brand. In breve tempo, tutto cresce e cambia. Nel 2001 nasce la prima collezione di abbigliamento per lo sci agonistico. Nel 2003, rilevando un ramo d’azienda di Benetton, Vist affianca alla produzione delle piastre anche quella degli attacchi. Una mossa coraggiosa, rimasta ben impressa nella memoria di Elmar Stimpfl: “Ricordo bene quelle notti, dopo la decisione di rilevare i brevetti e la produzione degli attacchi: avevamo comprato gli uffici nuovi a Caldaro, in provincia di Bolzano, e firmato con Benetton nel giro di qualche giorno e senza avvisare nessuno. I giornali titolarono Vist compra gli attacchi di Benetton e le banche ci chiamarono per sapere se eravamo impazziti”. Una follia che, come a volte accade, è solo l’inizio di un’avventura di successo.

Dalla tecnologia al glam

Nel 2004 Vist lancia sul mercato gli attacchi, in particolare il modello V614, già premiato nel 2002 per il design con il prestigioso “Award of Innovation”, passando così dalla produzione di piastre a quella di sistemi completi dotati di SpeedLock, il primo e unico sistema integrato piastra-attacco che ne permette l’ancoraggio senza l’ausilio di alcun attrezzo. Nel frattempo, altre idee prendono forma: nel 2004 vengono presentate la prima collezione d’abbigliamento completa e la linea RACE, che vede Vist fornitore ufficiale della nazionale britannica di sci. Dalla giacca da uomo “Pro Track”, in Polartec Power Shield, al completo “Pro Track Woman”, le linee Vist ricevono l’APEX Award per il design e la praticità di utilizzo. “Alcuni atleti della squadra britannica quell’anno sono entrati per la prima volta nei primi 15 posti in classifica di Coppa del Mondo - ricorda Elmar - ed è stata una grande fortuna per noi, perché il marchio ha acquistato visibilità incredibile sui media anche per l’abbigliamento, destando un interesse fortissimo che ci ha convinti ad andare avanti in questa direzione”. Contemporaneamente, nasce anche la prima mini-linea di sci Vist, destinata in pochi anni a posizionarsi nella fascia alta di mercato, collezionando riconoscimenti nei maggiori sci test mondiali. L’azienda ormai produce tutto quello che serve in pista: piastre, attacchi, abbigliamento tecnico e sci. Nel 2005 veste anche la nazionale di sci della Repubblica Ceca e, nello stesso anno, apre ufficialmente il primo Vist Shop monomarca a Bassano del Grappa in provincia di Vicenza.

Sci, ma chic!

Tutto quello che prende forma in Vist ha un carattere particolare, perché unisce sempre la più alta tecnologia e la massima attenzione alla performance con uno stile improntato al design e al fashion italiano. Una chiave di lettura di successo che, grazie al progetto curato per Vist dall’agenzia di comunicazione Plus Communications, trova la sua perfetta espressione nel neologismo “skichic”, che firma da anni le collezioni di sci e abbigliamento Vist. Una forte e rapida crescita del marchio, molto apprezzato a livello internazionale, dà la spinta per altre avventure inedite, ancora una volta apparentemente folli. L’atleta ghanese Kwame Nkrumah Acheampong, che non ha mai messo ai piedi un paio di sci, sogna di partecipare alle Olimpiadi. Vist, passando per la Val di Fiemme, lo accompagna a questo traguardo. Dal coraggio e dalla determinazione di questo visionario “leopardo delle nevi”, nasce l’ispirazione per la prima collezione di abbigliamento donna Limited Edition Snow Leopard, che Vist realizza nel 2006. L’anno successivo, nella nuova eccentrica linea Aurum, il grande protagonista è invece l’oro 24 carati, grazie al quale Vist riceve l’Award della Trend & Innovation Gallery per lo stile, l’originalità del prodotto e l’investimento in comunicazione, alla fiera Sportitaly di Bolzano.

Vist ormai è una griffe affermata, connubio originale e sempre inedito di moda e tecnica: veste i campioni dello sci come personaggi di interesse internazionale, dal Principe Alberto di Monaco a Paris Hilton, in tuta Aurum sulle piste di Ischgl, in Austria. Tra il 2008 e il 2009 inaugurano i temporary store Vist di Milano, capitale della moda, e di Porto Cervo, capitale della bella vita italiana.

Dopo l'inverno

La grande competenza tecnica, il fiuto per le ultime tendenze moda e il forte spirito innovativo del brand sono il tema sviluppato in modo originale e inaspettato nello straordinario visual book realizzato nel 2012 con Oliviero Toscani, che immortala magistralmente campioni e maestri di sci, uomini e donne della neve, perfetti testimonial dello spirito Vist. È l’apice di questo brand, in continua ricerca di sempre più elevati standard qualitativi e funzionali, capace di raccontare sé stesso e la sua filosofia di prodotto con campagne di comunicazione forti, distintive, provocatorie. Sono però anche gli anni immediatamente successivi alla crisi economica globale che fa sentire i suoi effetti in tutti i settori produttivi del Paese. Nonostante i traguardi raggiunti, qualcosa inizia a incrinarsi e Vist deve affrontare un passaggio difficile. Mentre dal 2011 piastre e attacchi vengono realizzati dallo spin-off Vist Tech, che rilancia ulteriormente il marchio con importanti innovazioni di prodotto, la produzione dell’abbigliamento prende momentaneamente una strada diversa. Ma si tratta di un distacco temporaneo, perché per Elmar Stimpfl Vist è ragione di vita, figlia della sua passione sportiva e della sua visione creativa dell’inverno, un’idea che non può spegnersi di fronte alle difficoltà: “Un marchio come il nostro non vive se perde la sua identità. La sua forza sono le persone che ci investono con anima e corpo, insieme, con un obiettivo comune. Per queste ragioni, non ho mai mollato in vent’anni e non ho mai pensato di abbandonarlo davvero”. Nel 2014, grazie a nuovi investimenti, Vist torna sotto la guida di Elmar e del suo team, con l’obiettivo di restare quello che è sempre stata anche nel futuro: un’idea imprenditoriale profondamente italiana, che intreccia tecnologia e glamour, che unisce alte prestazioni e stile, che accompagna sui gradini più alti del podio i grandi campioni dello sci mondiale, che veste personalità di fama internazionale, che continua a fare ricerca, a sperimentare, a stupire come solo il vero made in Italy sa fare. Forte di questo rinnovato progetto imprenditoriale, nel 2015 Vist diventa sponsor della Federazione russa di sci, inaugura uno shop monomarca a Cortina d’Ampezzo e vince l’ISPO Award nella categoria “Ski - Rental & Service Equipment” per il suo nuovo attacco Junior.

A gennaio del 2017, insieme alle nuove collezioni Skichic e Snow Leopard per la stagione 2017/18, Vist presenta all’ISPO la capsule collection Ventinverni che celebra i vent’anni dalla sua nascita. Perché sì, Vist ha vent’anni. È giovane, bella, intelligente. E ha tanti altri meravigliosi inverni davanti a sé.

Benvenuti a Milano

Nel 2017 la sede di VIST è stata trasferita dalla cittadina dolomitica di Caldaro alla capitale della moda, Milano. Questa scelta ha permesso alla nostra azienda di acquisire nuovi valori che sono ormai insiti in noi. Da questo trasferimento importante sono scaturite numerose nuove opportunità, tra le quali alcune sono descritte qui di seguito. 

La nostra esperienza ci ha permesso di supportare gli atleti sul palcoscenico olimpico producendo un abbigliamento all'avanguardia, noto come la Scuderia VIST collection. Ai Giochi Olimpici Invernali di PyeongChang 2018 siamo stati fornitori tecnici di otto comitati olimpici nazionali: Cipro, Grecia, Ungheria, Israele, Russia, Slovacchia, Ucraina e Bulgaria. Infatti, in qualità di fornitore ufficiale del Comitato Olimpico Bulgaro, abbiamo ricevuto con grande entusiasmo la notizia che la Bulgaria è stata considerata uno dei dieci migliori outfit della Cerimonia di Apertura.

Inoltre, nel 2018 siamo diventati fornitori ufficiali della British Bobsleigh and Skeleton Association. Marc Heywood, Direttore Operativo, ha dichiarato: "Lo skeleton britannico è orgoglioso di lavorare a stretto contatto con VIST, un'azienda che condivide i nostri valori e che condivide la nostra volontà di dare il meglio di noi stessi".

Inoltre, siamo passati dalla produzione esclusiva di collezioni invernali al lancio della capsule collection di golf e beachwear con il brand Aurum Milano.

Nel 2019, l'azienda è diventata il fornitore ufficiale della Coppa del Mondo FIS Saslong in Val Gardena, nelle Dolomiti.

A tutt'oggi, continuiamo a essere un fornitore ufficiale di kit invernali per le squadre olimpiche e paralimpiche. Nel 2021 abbiamo annunciato la nostra partnership ufficiale con il team Irlanda fino ai Giochi Olimpici di Milano 2026. L'Irlanda, così come la Bulgaria, Cipro e il Kirghizistan, hanno indossato il brand VIST per la Cerimonia di Apertura dei Giochi Olimpici di Pechino 2022. La Squadra Nazionale Paralimpica dell'Ucraina ha rappresentato il nostro brand ai Giochi Paralimpici del 2022. 

Nel 2021 VIST ha sviluppato una collaborazione di co-branding con FILA China e ha lanciato la collezione di co-branding FILA-VIST.

Quest'anno VIST festeggia 25 anni. Nel corso dei suoi 25 anni di attività, VIST è passata dalla produzione di attrezzature da sci (in particolare tavole e attacchi) al suo abbigliamento per lo sci riuscendo ad affermarsi tra i principali attori del mondo degli sport invernali. Ora ci stiamo concentrando sui completi da gara e sullo skiwear alla moda e di alta qualità, ideali per le attività del tempo libero. Nel campo delle gare e delle competizioni, VIST si è guadagnata la fiducia dei professionisti del settore. Oggi stiamo sviluppando una nuova collezione di capi invernali 2022/23 che rispecchierà la tradizione del brand, esplorando nuove tendenze nel look e nei colori e contribuendo alla sostenibilità dei capi.

Noi di VIST siamo lungimiranti e puntiamo sulle prestazioni e sulla funzionalità. Con questo, speriamo di continuare a spingere i nostri confini verso le sfide del futuro e, allo stesso tempo, di consentire ai nostri atleti di scrivere il loro nome nella storia.