The Mental Series: Oleksandr Abramenko

The Mental Series: Oleksandr Abramenko

L'intervista allo sciatore di freestyle ucraino Oleksandr Abramenko, campione olimpico 2018 e medaglia d'argento a Pechino 2022

The Mental Series: Enver Ablaiev Lettura The Mental Series: Oleksandr Abramenko 6 minuti Prossimo The Mental Series: Tamas Trunk

Oleksandr Abramenko è uno sciatore ucraino, specializzato in freestyle. Non solo è il vincitore della Coppa del Mondo di sci acrobatico 2015/16 e medaglia d'argento ai Campionati del Mondo 2019, ma ha anche partecipato a tutte le Olimpiadi dal 2006, vincendo la medaglia d'oro olimpica nel freestyle maschile a Pyeongchang (2018) e la medaglia d'argento a Pechino (2022).

Nell'ottobre del 2022, Oleksandr ha visitato la nostra sede di Milano per realizzare su misura i capi di abbigliamento di questa stagione agonistica. Abbiamo incontrato sia Oleksandr che il suo allenatore; se desideri leggere a Enver Ablaiev, clicca qui.

- Partiamo dalle Olimpiadi di Pechino. Prima della gara eri certo di poter vincere una medaglia? Se sì, quale sarebbe stata secondo te?

- In generale, ero fiducioso; ero più concentrato sull'evento a squadre, dato che avevamo già raccolto due podi all'inizio di quella stagione a Ruka, pertanto, la medaglia olimpica era a portata di mano. Non puntavo su una specifica gara, ma una medaglia era comunque molto probabile. Purtroppo, sono sorti degli imprevisti e non abbiamo potuto partecipare [Nota]. La maggior parte della squadra si è ammalata di Covid-19 e la quota per la prestazione di squadra non è stata raggiunta, ed è allora che ho iniziato a concentrarmi sugli obiettivi individuali. Non c'era la certezza di una medaglia, ma ho capito che questa era l'unica opportunità per regalare soddisfazioni all'Ucraina e ai tifosi. Pertanto, mi sono concentrato al massimo e ho cercato di dare il meglio di me.

- Hai avuto qualche timore che la storia della Covid potesse condizionarti alle Olimpiadi e metterti fuori gioco all'inizio delle competizioni?

- In effetti, ho sottovalutato la gravità della pandemia facendola diventare solo un pensiero passeggero. È stato quando dovevamo sottoporci a test quotidiani che mi sono reso conto della possibilità di essere in quarantena e di assistere passivamente l’esperienza olimpica.

- C'è una differenza nelle prestazioni alle Olimpiadi in termini di pressione psicologica quando sei già un campione olimpico? Oppure hai già imparato a concentrarti al momento giusto e a non cedere alla tensione?

- Ritengo di aver compreso di essere un campione olimpico e di non aver nessuna esitazione in proposito. In quel momento mi son detto: ci vado e faccio il mio dovere e basta. Ma una volta in gara, mi sono reso conto che non cambiava nulla rispetto alla prima,  seconda, terza e quarta Olimpiade. Ero molto preoccupato. La situazione sembrava ancora più tesa di quella precedente, in cui avevo ottenuto l'oro.

- Prima delle Olimpiadi hai realizzato tre salti con cinque avvitamenti solo in poche occasioni, ma nonostante questo, sei riuscito a farlo durante le Olimpiadi. Qual è il tuo segreto per concentrarti sul salto finale?

- So come concentrarmi al massimo. E più la competizione è seria, più riesco a farlo. Non ho unicamente osservato come saltavano gli altri, ma mi sono concentrato su quello che dovevo fare e su come dovevo eseguirlo e questo mi ha aiutato. Sebbene abbia commesso errori, la fiducia in me stesso mi ha fatto vincere la medaglia d'argento.

-  Il Direttore Tecnico, Enver Ablaiev, ha detto che il tuo stato di forma alle Olimpiadi era diverso da quello delle gare di tutta la stagione.

- Proprio così.

- Come ti sei sentito?

- Le persone avvertivano in me una calma che di solito non si riscontra in un atleta alle Olimpiadi. Era come se la mia mente si fosse concentrata su un luogo completamente diverso. Detto questo, contrariamente a quanto pensano, stavo combattendo un'intensa battaglia con me stesso e con le mie emozioni. Dato che i Giochi Olimpici non hanno eguali in termini di coinvolgimento, anche il mio modo di affrontare mentalmente la gara è completamente diverso.

- A tuo avviso lo status di campione olimpico può influenzare i giudici delle Olimpiadi nella valutazione dei salti? Possono aumentare o, al contrario, diminuire leggermente i punti?

- Non lo so, non posso rispondere con certezza, tutto può succedere; potrebbero fare entrambe le cose. Durante la gara di Pechino ho notato che il giudizio è stato molto severo dato che nelle qualificazioni ho ritenuto di saltare l'intero-pieno-doppio-pieno anche meglio che in Corea [N. B. Aleksandr ha vinto l'oro in Corea 2018 proprio con questo salto] e invece ho ottenuto un punteggio molto più basso. È stata una sorpresa e sono rimasto anche un tantino deluso. Ho persino dubitato della mia capacità di arrivare in finale con i punti totalizzati. Solo quando ho visto gli altri atleti ottenere punteggi più bassi del previsto, mi sono reso conto della severità dei giudici.

- Quali ricordi ti sono rimasti delle Olimpiadi di Pechino?

- I ricordi più importanti sono i test quotidiani, la preoccupazione di perdere l'inizio del torneo a causa di una malattia e il freddo intenso.

- Da quanto tempo indossi gli indumenti da sci VIST? Come giudichi la qualità dello skiwear e come influisce secondo te sulle performance?

- Prima delle Olimpiadi avevo una tuta VIST e per questo la testavo. Mi è piaciuta molto perché il capo e i materiali utilizzati sono confortevoli. L'abbiamo collaudata a -25°C. Si è comportata bene, non avevo molto freddo. E mi sono trovato bene.

- Quali sono i suoi progetti per la prossima stagione come atleta e quali sono i tuoi futuri programmi sportivi?

- La situazione mia e del mio Paese ha reso in generale molto difficile pianificare qualsiasi cosa. Sembra che nulla abbia davvero senso se non vivere in pace. Per questo motivo non faccio programmi. Se ci sarà l'opportunità andrò a gareggiare ai Campionati del Mondo, ma ho già saltato una parte importante dell'allenamento. Non sono riuscito ad andare con la squadra negli Stati Uniti perché non potevo lasciare mio figlio e mia moglie a casa da soli. Sono rimasto con loro a Kiev. Solo ora ho deciso di andare in Svizzera e di allenarmi per tre settimane.

- Le prossime Olimpiadi (2026) si terranno a Milano e Cortina d'Ampezzo, è possibile che la rivedremo lì come partecipante?

- Tutto è possibile. Ma se lo voglia o meno, per ora non lo so. Come sempre, dopo ogni Olimpiade, viene un momento in cui non la si vuole più. Ma nessuno sa cosa succederà dopo. Forse la farò. Ma se ci andrò, sarà un po' spaventoso, perché sarà la mia sesta Olimpiade, ho iniziato nel 2006 a Torino e nel 2026 concluderò, e verrà fuori un risultato spaventoso [ride]. Ma tutto può essere.